Intervista a Bruno Nacci

 

๐‹’๐ข๐ง๐ญ๐ž๐ซ๐ฏ๐ข๐ฌ๐ญ๐š ๐๐ž๐ฅ ๐Œ๐š๐ซ๐ญ๐ž๐๐ขฬ€
๐—•๐—ฟ๐˜‚๐—ป๐—ผ ๐—ก๐—ฎ๐—ฐ๐—ฐ๐—ถ
๐‘Ž ๐‘๐‘ข๐‘Ÿ๐‘Ž ๐‘‘๐‘– ๐‘‡๐‘œ๐‘›๐‘– ๐น๐‘Ž๐‘”๐‘›๐‘Ž๐‘›๐‘–
๐Ÿ”ต๐Ÿ”ต๐Ÿ”ต๐Ÿ“๐Ÿ“๐Ÿ“
โ€ข ๐๐ซ๐จ๐Ÿ๐ž๐ฌ๐ฌ๐จ๐ซ ๐๐š๐œ๐œ๐ข ๐ฅ๐š ๐ซ๐ข๐ง๐ ๐ซ๐š๐ณ๐ข๐จ ๐ฉ๐ž๐ซ ๐š๐ฏ๐ž๐ซ๐ฆ๐ข ๐œ๐จ๐ง๐œ๐ž๐ฌ๐ฌ๐จ ๐๐ข ๐๐ข๐š๐ฅ๐จ๐ ๐š๐ซ๐ž ๐œ๐จ๐ง ๐ฅ๐ž๐ข. ๐‹๐š ๐ฉ๐ซ๐ข๐ฆ๐š ๐๐จ๐ฆ๐š๐ง๐๐š ๐œ๐ก๐ž ๐ฅ๐ž ๐Ÿ๐š๐œ๐œ๐ข๐จ ๐žฬ€ ๐ฌ๐ฎ๐ฅ ๐ฉ๐ฎ๐ ๐ข๐ฅ๐š๐ญ๐จ. ๐‚๐จ๐ฆ๐ž ๐Ÿ๐š ๐ฎ๐ง๐จ ๐ฌ๐ญ๐ฎ๐๐ข๐จ๐ฌ๐จ ๐œ๐จ๐ฆ๐ž ๐ฅ๐ž๐ข, ๐ฆ๐ข๐ญ๐ž ๐ž ๐ซ๐ข๐Ÿ๐ฅ๐ž๐ฌ๐ฌ๐ข๐ฏ๐จ, ๐š๐ ๐š๐ฆ๐š๐ซ๐ž ๐ช๐ฎ๐ž๐ฌ๐ญ๐จ ๐ฌ๐ฉ๐จ๐ซ๐ญ ๐ฌ๐ž ๐ฌ๐ฉ๐จ๐ซ๐ญ ๐ฉ๐ฎ๐จฬ€ ๐ž๐ฌ๐ฌ๐ž๐ซ๐ž ๐œ๐ก๐ข๐š๐ฆ๐š๐ญ๐จ?
– Ho sempre amato la boxe che, come e piรน di tutti gli sport, rivela e forma il carattere dellโ€™individuo, lo mette senza riparo davanti al suo vero avversario: se stesso. Inoltre da ragazzo lโ€™ho praticata, anche se solo un poโ€™ (era inconciliabile con gli studi, perchรฉ allora non si ammetteva che si potesse praticarla al di fuori dellโ€™agonismo come oggi). A livello dilettantesco, senza soldi in gioco, รจ tutto tranne quella sfida tra gladiatori sanguinari che la maggior parte pensa: รจ tecnica, resistenza, scherma. La insegnerei nelle scuole.
โ€ข ๐‚๐จ๐ฆ’๐žฬ€ ๐ง๐š๐ญ๐จ ๐ฅ’๐ข๐ง๐ญ๐ž๐ซ๐ž๐ฌ๐ฌ๐ž ๐œ๐จ๐ฌ๐ขฬ€ ๐ฉ๐ซ๐จ๐Ÿ๐จ๐ง๐๐จ ๐ฉ๐ž๐ซ ๐ฅ๐จ ๐ฌ๐œ๐ซ๐ข๐ญ๐ญ๐จ๐ซ๐ž ๐†๐ข๐จ๐ซ๐ ๐ข๐จ ๐•๐ข๐ ๐จ๐ฅ๐จ? ๐‚๐ก๐ž ๐๐ข๐Ÿ๐Ÿ๐ž๐ซ๐ž๐ง๐ณ๐š ๐œ’๐žฬ€ ๐œ๐จ๐ง ๐“๐ซ๐ข๐ฅ๐ฎ๐ฌ๐ฌ๐š?
– Giorgio Vigolo (di cui ho riedito dopo decenni due dei primi libri di prose, anche perchรฉ secondo me รจ molto piรน originale in prosa che in poesia), รจ lโ€™autore piรน tedesco e romantico che abbiamo avuto, non a caso traduttore insuperato di Hรถlderlin, capace di scorgere e suscitare nelle pietre di Roma fantasmi inquietanti, con la magia di una lingua densa eppure dotata di forza narrativa molto superiore alla prosa dโ€™arte di quegli stessi anni. Credo sia imparagonabile con Trilussa, non solo perchรฉ appartengono a due generazioni diverse e il secondo si esprime in romanesco, ma perchรฉ, entrambi coltissimi, cโ€™รจ in Trilussa una vena satirica e proteiforme (Lucio Felici, curatore della bella edizione Mondadori, accenna alla dissimulazione di Torquato Accetto e al gusto delle maschere pirandelliano), che manca del tutto in Vigolo, lirico e visionario. Ecco, credo sia la visionarietร  di Vigolo che mi ha colpito fin dallโ€™inizio e la sua traduzione in una prosa non viziata dallโ€™estetismo, che Savinio definiva โ€œcadavere mascheratoโ€.
โ€ข ๐ˆ๐ง “๐‚๐จ๐ง๐ ๐ž๐๐จ ๐ƒ๐ž๐ฅ๐ฅ๐ž ๐’๐ญ๐š๐ ๐ข๐จ๐ง๐ข” ๐ฅ๐ž๐ข ๐ฌ๐œ๐ซ๐ข๐ฏ๐ž ๐Ÿ‘๐Ÿ”๐Ÿ“ ๐ซ๐š๐œ๐œ๐จ๐ง๐ญ๐ข ๐›๐ซ๐ž๐ฏ๐ข๐ฌ๐ฌ๐ข๐ฆ๐ข, ๐ฎ๐ง๐จ ๐จ๐ ๐ง๐ข ๐ ๐ข๐จ๐ซ๐ง๐จ, ๐ฌ๐ฎ๐๐๐ข๐ฏ๐ข๐ฌ๐ข ๐ข๐ง ๐ช๐ฎ๐š๐ญ๐ญ๐ซ๐จ ๐ฏ๐จ๐ฅ๐ฎ๐ฆ๐ข ๐œ๐จ๐ง ๐ข๐ฅ ๐ญ๐ข๐ญ๐จ๐ฅ๐จ ๐๐ž๐ฅ๐ฅ๐ž ๐ฌ๐ญ๐š๐ ๐ข๐จ๐ง๐ข. ๐‚’๐žฬ€ ๐ฎ๐ง ๐ฆ๐จ๐ญ๐ข๐ฏ๐จ ๐ฉ๐ž๐ซ ๐œ๐ฎ๐ข ๐ก๐š ๐ฉ๐ž๐ง๐ฌ๐š๐ญ๐จ ๐๐ข ๐Ÿ๐š๐ซ๐ž ๐ช๐ฎ๐ž๐ฌ๐ญ๐š ๐ฌ๐œ๐ž๐ฅ๐ญ๐š?
– I racconti risalgono a una decina di anni fa, e non avrei mai pensato di pubblicarli se non se ne fosse occupato a mia insaputa un amico poeta, Mauro Sambi, a cui erano piaciuti. La scelta di dividere questi racconti in quattro volumi dedicati al ciclo stagionale รจ stata dellโ€™editore ma fu da me condivisa, anche se, a posteriori, non credo sia stata una buona idea. Sembrava eccessivo un volume di quella entitร , un volume che non si sarebbe potuto portare a lettoโ€ฆ.
โ€ข ๐ˆ ๐ซ๐š๐œ๐œ๐จ๐ง๐ญ๐ข ๐ฌ๐จ๐ง๐จ ๐Ÿ๐š๐ญ๐ญ๐ข ๐ซ๐ž๐š๐ฅ๐ข ๐š๐œ๐œ๐š๐๐ฎ๐ญ๐ข ๐ง๐ž๐ฅ๐ฅ๐š ๐ฌ๐ฎ๐š ๐ช๐ฎ๐จ๐ญ๐ข๐๐ข๐š๐ง๐ข๐ญ๐šฬ€ ๐จ ๐ฌ๐จ๐ง๐จ ๐ข๐ฆ๐ฆ๐š๐ ๐ข๐ง๐š๐ญ๐ข?
– Io non credo nellโ€™immaginazione creativa, se non nella forma di organizzazione della materia tratta sempre dallโ€™esperienza. Naturalmente, per esperienza non si deve intendere la sola quotidianitร , ma anche letture, notizie, film, racconti altrui. Qualsiasi libro, anche di matematica, รจ autobiografico.
โ€ข ๐‡๐š ๐ฆ๐š๐ข ๐ฌ๐œ๐ซ๐ข๐ญ๐ญ๐จ ๐ฎ๐ง ๐ฅ๐ข๐›๐ซ๐จ ๐Ÿ๐ข๐ง๐ข๐ญ๐จ ๐ข๐ง ๐ฆ๐จ๐๐จ ๐๐ข๐ฏ๐ž๐ซ๐ฌ๐จ ๐๐š ๐œ๐จ๐ฆ๐ž ๐š๐ฏ๐ž๐ฏ๐š ๐ฉ๐ž๐ง๐ฌ๐š๐ญ๐จ?
– Forse La quarta vigilia (2014), saggio biografico sugli ultimi anni di Blaise Pascal. Il materiale crescendo dettava i singoli capitoli, in questo senso imprevedibili se non nella successione cronologica. Per lo stesso motivo anche la ricostruzione di un fatto di cronaca dellโ€™Ottocento da me ricostruito sui documenti dโ€™archivio Lโ€™assassinio della Signora di Praslin (2000), che mi trascinรฒ passo dopo passo in quellโ€™abisso di sangue e smarrimento (e venne preso per un giallo!).
โ€ข “๐ˆ๐ง ๐๐ž๐ฌ๐ญ๐ข๐ง๐ข. ๐‹๐š ๐Ÿ๐š๐ญ๐š๐ฅ๐ข๐ญ๐šฬ€ ๐๐ž๐ฅ ๐ฆ๐š๐ฅ๐ž” ๐ฅ๐ž๐ข ๐š๐Ÿ๐Ÿ๐ž๐ซ๐ฆ๐š ๐œ๐ก๐ž ๐ข๐ฅ ๐Œ๐š๐ฅ๐ž ๐žฬ€ ๐œ๐š๐ฉ๐š๐œ๐ž ๐๐ข ๐ซ๐จ๐ฏ๐ข๐ง๐š๐ซ๐ž ๐ž ๐œ๐จ๐ง๐ญ๐š๐ ๐ข๐š๐ซ๐ž ๐ฏ๐ข๐ญ๐ž ๐ฎ๐ฆ๐š๐ง๐ž ๐ž ๐ฌ๐ฉ๐ž๐ฌ๐ฌ๐จ ๐ฌ๐ข ๐š๐ง๐ง๐ข๐๐š ๐ข๐ง ๐ฎ๐จ๐ฆ๐ข๐ง๐ข ๐œ๐ก๐ž ๐œ๐จ๐ง๐๐ฎ๐œ๐จ๐ง๐จ ๐ฎ๐ง๐š ๐ฏ๐ข๐ญ๐š ๐ง๐จ๐ซ๐ฆ๐š๐ฅ๐ž. ๐…๐š ๐ฅ’๐ž๐ฌ๐ž๐ฆ๐ฉ๐ข๐จ ๐๐ข ๐‡๐ข๐ญ๐ฅ๐ž๐ซ ๐œ๐ก๐ž ๐๐ข๐ฌ๐ž๐ ๐ง๐š๐ฏ๐š ๐œ๐š๐ซ๐ญ๐จ๐ฅ๐ข๐ง๐ž ๐ž ๐๐š๐ฅ ๐๐จ๐ญ ๐œ๐ก๐ž ๐ ๐ข๐จ๐œ๐š๐ฏ๐š ๐š ๐ฉ๐š๐ฅ๐ฅ๐จ๐ง๐ž.๐’๐ฎ ๐ช๐ฎ๐š๐ฅ๐ข ๐›๐š๐ฌ๐ข ๐ฌ๐ข ๐Ÿ๐จ๐ง๐๐š ๐ช๐ฎ๐ž๐ฌ๐ญ๐š ๐ซ๐ข๐œ๐ž๐ซ๐œ๐š ๐ž ๐ง๐จ๐ง ๐ญ๐ž๐ฆ๐ž ๐œ๐ก๐ž ๐ฌ๐ข ๐ฉ๐จ๐ฌ๐ฌ๐š ๐ซ๐ข๐๐š๐ซ๐ž ๐๐ข๐ ๐ง๐ข๐ญ๐šฬ€ ๐š ๐๐ฎ๐ž ๐ฉ๐ž๐ซ๐ฌ๐จ๐ง๐š๐ ๐ ๐ข ๐œ๐จ๐ฌ๐ขฬ€ ๐ฆ๐š๐ฅ๐ฏ๐š๐ ๐ข ๐œ๐ก๐ž ๐ก๐š๐ง๐ง๐จ ๐œ๐š๐ฎ๐ฌ๐š๐ญ๐ž ๐ญ๐ซ๐š๐ ๐ž๐๐ข๐ž ๐ข๐ฆ๐ฆ๐š๐ง๐ข?
– Molti pensano che i grandi (o piccoli) malvagi siano dei mostri. Questa idea รจ tranquillizzante, come se ci mettesse fin dallโ€™inizio al riparo dallโ€™orrore della storia. Ma contiene tra lโ€™altro una curiosa contraddizione: se il mostro รจ colui che ritiene tutti gli altri non umani, e come tali li manipola o massacra, allora anche noi, nella misura in cui riteniamo lui un mostro lo espelliamo dallโ€™umanitร , diventando a nostra volta deiโ€ฆ mostri. Ammoniva Nietzsche: ยซChi lotta con i mostri deve guardarsi di non diventare, cosรฌ facendo, un mostroยป. Esecrare, maledire, mostrarsi disgustati per ciรฒ che fanno i malvagi, รจ facile ma significa conoscere poco lโ€™animo umano (compreso il nostro). La figura piรน inquietante di Destini, a cui ho dedicato molte letture e studi, รจ quella di Albert Speer, lโ€™architetto del regime nazista, delfino di Hitler. Un uomo colto, di buona famiglia, gentileโ€ฆ ma venne preso dallโ€™ubris del potere, passo dopo passo, fino a diventarne complice. E chi, mosso dallโ€™ambizione, in circostanze simili non sarebbe quanto meno tentato di fare lo stesso? O vogliamo negare lโ€™ambizione, i piccoli cedimenti, le piccole viltร  e i compromessi di cui รจ fatta la nostra vita quotidiana?
โ€ข ๐‹๐š ๐ฆ๐ž๐๐ข๐จ๐œ๐ซ๐ข๐ญ๐šฬ€ ๐ฉ๐ฎ๐จฬ€ ๐ž๐ฌ๐ฌ๐ž๐ซ๐ž ๐ฉ๐ž๐ซ๐ข๐œ๐จ๐ฅ๐จ๐ฌ๐š ๐ฉ๐ž๐ซ ๐ฎ๐ง๐š ๐๐ž๐ฆ๐จ๐œ๐ซ๐š๐ณ๐ข๐š?
– La mediocritร  รจ lโ€™acqua in cui le democrazie vivono necessariamente. Churchill diceva che per capire cosa sia una democrazia รจ sufficiente osservare chi รจ lโ€™elettore medio! In questo senso, รจ piรน pericoloso chi guarda ai grandi orizzonti, chi vuole lasciare un nome nella storia o sogna di fondare imperi. Purchรฉ il senso comune (che Manzoni ammoniva a non confondere con il buon senso) non diventi una forma di oppiaceo, e non ingeneri quella assuefazione al regime democratico da cui metteva in guardia Piero Calamandrei quando diceva che la libertร  รจ come lโ€™aria, ci si accorge che cโ€™รจ solo quando manca.
โ€ข ๐๐ž๐ซ ๐ฎ๐ง ๐š๐ฎ๐ญ๐จ๐ซ๐ž ๐žฬ€ ๐ฉ๐ข๐ฎฬ€ ๐ข๐ฆ๐ฉ๐จ๐ซ๐ญ๐š๐ง๐ญ๐ž ๐ฌ๐š๐ฉ๐ž๐ซ ๐š๐ฌ๐œ๐จ๐ฅ๐ญ๐š๐ซ๐ž ๐จ ๐Ÿ๐š๐ซ๐ฌ๐ข ๐ง๐จ๐ญ๐š๐ซ๐ž ๐ข๐ฅ ๐ฉ๐ข๐ฎฬ€ ๐ฉ๐จ๐ฌ๐ฌ๐ข๐›๐ข๐ฅ๐ž?
– Lascio rispondere a Conrad: ยซCome faccio a spiegare a mia moglie che quando guardo dalla finestra io sto lavorando?ยป.
โ€ข ๐‚๐ข ๐ฉ๐ฎ๐จฬ€ ๐๐ข๐ซ๐ž ๐œ๐จ๐ฆ’๐žฬ€ ๐ง๐š๐ญ๐จ ๐ฅ’๐ข๐ง๐ญ๐ž๐ซ๐ž๐ฌ๐ฌ๐ž ๐ฉ๐ž๐ซ ๐ฅ๐ž “๐“๐ž๐ง๐ญ๐š๐ณ๐ข๐จ๐ง๐ž ๐๐ข ๐ฌ๐š๐ง๐ญโ€™๐€๐ง๐ญ๐จ๐ง๐ข๐จ” ๐๐ข ๐†๐ฎ๐ฌ๐ญ๐š๐ฏ๐ž ๐…๐ฅ๐š๐ฎ๐›๐ž๐ซ๐ญ?
– Ho sempre amato Flaubert, la sua appassionata dedizione allโ€™arte, il suo disincanto nei confronti dellโ€™esistenza. In anni lontani ho tradotto e curato per Garzanti Bouvard e Pรฉcuchet, poi curato Madame Bovary per Giunti. La Tentation, forse lโ€™opera piรน ardita di Flaubert, รจ la miniera di fantasmi e ossessioni a cui ha attinto lungo tutta la vita, unโ€™opera scritta sapendo che sarebbe andato contro i canoni e il gusto dellโ€™epoca (oggi nessuno pubblicherebbe unโ€™opera simile, se lโ€™autore non si chiamasse Flaubert). Non traducevo da una quindicina di anni, ma quando lโ€™editore Carbonio mi ha chiesto se volessi tradurla, รจ stato piรน forte di me, come il richiamo di un antico amoreโ€ฆ
โ€ข ๐‚๐จ๐ง ๐ข๐ฅ ๐ซ๐จ๐ฆ๐š๐ง๐ณ๐จ “๐๐ž๐ซ ๐ฌ๐ž๐ ๐ฎ๐ข๐ซ๐ž ๐ฅ๐š ๐ฆ๐ข๐š ๐ฌ๐ญ๐ž๐ฅ๐ฅ๐š “(๐Ÿ๐ŸŽ๐Ÿ๐Ÿ•) ๐ง๐š๐ฌ๐œ๐ž ๐ฅ๐š ๐œ๐จ๐ฅ๐ฅ๐š๐›๐จ๐ซ๐š๐ณ๐ข๐จ๐ง๐ž ๐œ๐จ๐ง ๐‹๐š๐ฎ๐ซ๐š ๐๐จ๐ฌ๐ข๐จ ๐ž ๐ข๐ง ๐ฌ๐ž๐ ๐ฎ๐ข๐ญ๐จ ๐ฌ๐œ๐ซ๐ข๐ฏ๐ž๐ญ๐ž “๐‹๐š ๐œ๐š๐ฌ๐š ๐๐ž๐ ๐ฅ๐ข ๐ฎ๐œ๐œ๐ž๐ฅ๐ฅ๐ข” (๐Ÿ๐ŸŽ๐Ÿ๐ŸŽ) ๐ฎ๐ง ๐ซ๐จ๐ฆ๐š๐ง๐ณ๐จ ๐ฌ๐ญ๐จ๐ซ๐ข๐œ๐จ ๐œ๐ก๐ž ๐ฌ๐ž๐œ๐จ๐ง๐๐จ ๐ฆ๐ž ๐žฬ€ ๐š๐ญ๐ญ๐ฎ๐š๐ฅ๐ข๐ฌ๐ฌ๐ข๐ฆ๐จ. ๐‚๐ข ๐ฉ๐ฎ๐จฬ€ ๐ซ๐š๐œ๐œ๐จ๐ง๐ญ๐š๐ซ๐ž ๐œ๐จ๐ฆ๐ž ๐žฬ€ ๐ง๐š๐ญ๐š ๐ช๐ฎ๐ž๐ฌ๐ญ๐š ๐œ๐จ๐ฅ๐ฅ๐š๐›๐จ๐ซ๐š๐ณ๐ข๐จ๐ง๐ž ๐ž ๐ฅ’๐ข๐๐ž๐š ๐๐ข ๐ช๐ฎ๐ž๐ฌ๐ญ๐จ ๐ซ๐จ๐ฆ๐š๐ง๐ณ๐จ?
– In realtร , io e Laura avevamo giร  scritto insieme due libri antologici: Quel poco di fede che mi porto dentro (2012), una raccolta di pagine di Luigi Pozzoli, straordinaria figura di sacerdote scrittore e amico, e Da unโ€™altra Italia. 63 lettere, diari, testimonianze sul carattere degli italiani (2014). Il primo romanzo nasce dalla scoperta di Laura di una poetessa del Cinquecento, Chiara Matraini, e dalla sua idea di trarne una storia che fosse anche uno spaccato di vita dellโ€™epoca; il secondo da una scarna notizia da me trovata in un libro sulla Rivoluzione francese. Ci aveva colpito (non stupito) come anche nella leggendaria epopea rivoluzionaria si nascondessero episodi legati allโ€™aviditร  e allo sfruttamento, ma soprattutto volevamo rappresentare quello che accade in un piccolo gruppo di โ€œprigionieriโ€ che in realtร  non hanno nessuna voglia di fuggire dalla loro prigione dorata, perchรฉ fuori li attende la morte. Disegnando i rapporti reciproci, improntati alla viltร  o alla generositร  e allโ€™amore, in un mondo contracezionario in cui domina la paura e lโ€™istinto di conservazione.
โ€ข ๐’๐ž๐œ๐จ๐ง๐๐จ ๐ฅ๐ž๐ข ๐ฉ๐ž๐ซ๐œ๐ก๐žฬ ๐ข๐ฅ ๐ฆ๐จ๐ง๐๐จ ๐œ๐ฎ๐ฅ๐ญ๐ฎ๐ซ๐š๐ฅ๐ž ๐๐ข ๐จ๐ ๐ ๐ข ๐žฬ€ ๐œ๐จ๐ฌ๐ขฬ€ ๐ฆ๐ž๐๐ข๐จ๐œ๐ซ๐ž?
– In ogni epoca domina la mediocritร , solo in casi eccezionali si scorgono le vette, o comunque solo dopo che quellโ€™epoca รจ passata. Una particolaritร  della nostra epoca, mi sembra essere perรฒ quella giร  espressa da Musil: ยซNel mondo di ieri non cโ€™erano meno stupidi che in quello di oggi, ma nel mondo di ieri a nessuno sarebbe venuto in mente di dire che uno stupido era un uomo intelligente o di valoreยป.
โ€ข ๐‡๐š ๐ฆ๐š๐ข ๐ฉ๐ž๐ง๐ฌ๐š๐ญ๐จ ๐๐ข ๐ฌ๐œ๐ซ๐ข๐ฏ๐ž๐ซ๐ž ๐ฎ๐ง ๐ซ๐จ๐ฆ๐š๐ง๐ณ๐จ ๐๐ข ๐Ÿ๐š๐ง๐ญ๐š๐ฌ๐œ๐ข๐ž๐ง๐ณ๐š?
– Mai
โ€ข ๐๐ฎ๐š๐ฅ๐ž ๐๐ข๐Ÿ๐ž๐ญ๐ญ๐จ ๐๐ž๐ฅ ๐ฌ๐ฎ๐จ ๐œ๐š๐ซ๐š๐ญ๐ญ๐ž๐ซ๐ž ๐ž๐ฅ๐ข๐ฆ๐ข๐ง๐ž๐ซ๐ž๐›๐›๐ž?
– Lutero osservava che la confessione ha un grosso limite: con tutta la buona volontร  nessuno di noi confessa il peccato piรน grave, per il semplice motivo che non lo considera tale!
โ€ข “๐‹๐š ๐ฏ๐ข๐ญ๐š ๐š ๐ฉ๐ž๐ณ๐ณ๐ข” ๐ฉ๐ฎ๐›๐›๐ฅ๐ข๐œ๐š๐ญ๐จ ๐๐š๐ฅ๐ฅ๐ž ๐„๐๐ข๐ณ๐ข๐จ๐ง๐ข ๐’๐จ๐ฅ๐Ÿ๐š๐ง๐ž๐ฅ๐ฅ๐ข ๐žฬ€ ๐ฅ๐จ ๐ฌ๐ฉ๐ž๐œ๐œ๐ก๐ข๐จ ๐๐ž๐ฅ๐ฅ๐š ๐ฏ๐ข๐ญ๐š ๐’๐จ๐ ๐ ๐ข?
– Su La vita a pezzi (2018) lascio parlare un critico severo, Cesare Cavalleri, quando su Avvenire scrisse: ยซSono storie dolenti, vite di rimpianti, fasci di luce che improvvisamente illuminano angolini coscienziali che si era preferito dimenticareยป.
โ€ข ๐ˆ ๐ฌ๐ฎ๐จ๐ข ๐ฅ๐š๐›๐จ๐ซ๐š๐ญ๐จ๐ซ๐ข ๐๐ข ๐ฌ๐œ๐ซ๐ข๐ญ๐ญ๐ฎ๐ซ๐š ๐œ๐จ๐ฆ๐ž ๐ฌ๐ข ๐ฌ๐ฏ๐ข๐ฅ๐ฎ๐ฉ๐ฉ๐š๐ง๐จ?
– Si parte dai testi dei maestri, si cerca di affinare la sensibilitร  nella lettura, si discute e alla luce di questo, senza mai definire modelli, prontuari, regole per diventare scrittori piรน o meno bravi, leggiamo insieme gli elaborati dei partecipanti alla ricerca di soluzioni migliori.
โ€ข ๐๐ž๐ซ๐œ๐ก๐žฬ ๐š๐Ÿ๐Ÿ๐ž๐ซ๐ฆ๐š ๐œ๐ก๐ž ๐ฉ๐ซ๐ข๐ฆ๐š ๐๐ž๐ฅ๐ฅ’๐ข๐ง๐ง๐จ๐œ๐ž๐ง๐ณ๐š ๐ฉ๐ซ๐จ๐›๐š๐›๐ข๐ฅ๐ฆ๐ž๐ง๐ญ๐ž ๐ง๐จ๐ง ๐œ’๐žฬ€ ๐ง๐ฎ๐ฅ๐ฅ๐š?
– I racconti raccolti in Dopo lโ€™innocenza (2019) esplorano storie un poโ€™ meno crude del libro precedente, in parte si riferiscono alle illusioni che ci facciamo sulla realtร  (progetti, sogni, desideri), in questo senso lโ€™innocenza รจ uno stato primitivo, originario, destinato prima o poi a scontrarsi con ciรฒ che siamo e sono gli altri. Lโ€™ultimo racconto, Salomon, scritto in realtร  negli anni Novanta, รจ quasi un apologo in cui teologia ed erotismo si intricano in modo tale che il protagonista, un rabbino, prima inconsapevole del suo delirio teologico, alla fine diventa ciรฒ di cui gli altri lo accusano o sospettano.
โ€ข ๐“๐ซ๐š ๐ข ๐ฌ๐ฎ๐จ๐ข ๐š๐ฌ๐ฉ๐ข๐ซ๐š๐ง๐ญ๐ข ๐ฌ๐œ๐ซ๐ข๐ญ๐ญ๐จ๐ซ๐ž ๐œ’๐žฬ€ ๐ช๐ฎ๐š๐ฅ๐œ๐ฎ๐ง๐จ ๐œ๐ก๐ž ๐ก๐š ๐ญ๐š๐ฅ๐ž๐ง๐ญ๐จ?
– In realtร  faccio pochissime ore allโ€™anno di questi laboratori, ma sono sufficienti per veder emergere quasi sempre delle personalitร , delle potenzialitร . Il talento perรฒ, come diceva Picasso, vuol dire otto ore di lavoro al giorno. Non si puรฒ giudicare da qualche elaborato, anche brillante, se il talento sarร  coltivato o meno. E questo รจ il punto. Talento come predisposizione, รจ possibile, come nello sport, ma se non viene messo alla prova, se non impegna la propria vita, alloraโ€ฆ
โ€ข ๐ˆ๐ฅ ๐Ÿ๐Ÿ“๐ŸŽยฐ ๐š๐ง๐ง๐ข๐ฏ๐ž๐ซ๐ฌ๐š๐ซ๐ข๐จ ๐๐ž๐ฅ๐ฅ๐š ๐ฆ๐จ๐ซ๐ญ๐ž ๐๐ข ๐€๐ฅ๐ž๐ฌ๐ฌ๐š๐ง๐๐ซ๐จ ๐Œ๐š๐ง๐ณ๐จ๐ง๐ข ๐žฬ€ ๐ฉ๐š๐ฌ๐ฌ๐š๐ญ๐จ ๐ช๐ฎ๐š๐ฌ๐ข ๐ข๐ง๐จ๐ฌ๐ฌ๐ž๐ซ๐ฏ๐š๐ญ๐จ ๐ซ๐ข๐ฌ๐ฉ๐ž๐ญ๐ญ๐จ ๐š ๐š๐ง๐ง๐ข ๐Ÿ๐š ๐ข๐ง ๐œ๐ฎ๐ข ๐ฌ๐ข ๐ญ๐ซ๐š๐ฌ๐ฆ๐ž๐ญ๐ญ๐ž๐ฏ๐š๐ง๐จ ๐ข ๐๐ซ๐จ๐ฆ๐ž๐ฌ๐ฌ๐ข ๐’๐ฉ๐จ๐ฌ๐ข ๐ข๐ง ๐ญ๐ž๐ฅ๐ž๐ฏ๐ข๐ฌ๐ข๐จ๐ง๐ž? ๐‚๐จ๐ฆ๐ž ๐ฌ๐ž ๐ฅ๐จ ๐ฌ๐ฉ๐ข๐ž๐ ๐š?
– Manzoni รจ uno scrittore molto complesso che troppo sovente viene rimpicciolito (fin dallโ€™inizio, Giuseppe Giusti: ยซAutor di un romanzetto ove si parla di promessi sposiโ€ฆ), facendone unโ€™immaginetta devozionale per beghine. Al contrario, il suo romanzo, certo la cosa piรน grande che ha fatto, mette in scena un mondo che col passare del tempo non ha perso niente, e niente ha temere in confronto a Balzac o Hugo, per non parlare del suo presunto modello: Walter Scott. Due anni fa ho parlato a Roma della peste nei Promessi sposi. Argomento quanto mai delicato nel clima del Covid, e alcuni, alla fine dellโ€™incontro, mi hanno detto che non avrebbero mai creduto di ritrovare nelle pagine del romanzo tante osservazioni in grado di aprire gli occhi sul presente, sul funzionamento delle nostre menti in circostanze simili, sia dal punto di vista politico che psicologico e morale. Con Borges dico volentieri: altri si vanteranno dei libri che hanno scritto, io di quelli che ho letto. In particolare proprio dei Promessi Sposi e della Colonna infame, due capisaldi della nostra cultura, che ho letto per la prima volta nel 1958. Avevo dieci anni! E non ho mai smesso di rileggerli.
โ€ข ๐๐ฎ๐š๐ฅ ๐žฬ€ ๐ฌ๐ญ๐š๐ญ๐š ๐ฅ๐š ๐œ๐จ๐ฌ๐š ๐ฉ๐ข๐ฎฬ€ ๐ข๐ง๐ฎ๐ญ๐ข๐ฅ๐ž ๐œ๐ก๐ž ๐ก๐š ๐Ÿ๐š๐ญ๐ญ๐จ?
– Domanda insidiosa, perchรฉ suggerisce che abbia poi fatto cose utili. E allora, per mettermi la coscienza in pace dico: perdere tempo con chi non meritava nemmeno un minuto.
โ€ข ๐„ฬ€ ๐ฉ๐ซ๐จ๐ฉ๐ซ๐ข๐จ ๐œ๐จ๐ง๐ฏ๐ข๐ง๐ญ๐จ ๐œ๐ก๐ž ๐ง๐ž๐ฅ๐ฅ๐š ๐ฌ๐จ๐œ๐ข๐ž๐ญ๐šฬ€ ๐๐ข ๐จ๐ ๐ ๐ข ๐œ’๐žฬ€ ๐ญ๐š๐ง๐ญ๐š ๐ฌ๐จ๐ฅ๐ข๐ญ๐ฎ๐๐ข๐ง๐ž ๐ž ๐ญ๐š๐ง๐ญ๐จ ๐›๐ข๐ฌ๐จ๐ ๐ง๐จ ๐๐ข ๐š๐ฌ๐œ๐จ๐ฅ๐ญ๐จ?
– Per tre anni ho fatto il volontario in una associazione di Ascolto Telefonico. Le voci anonime che sbucano dal buio delle nostre cittร , chi sussurrando, chi gridando, chi implorando, chi bestemmiando, chi rivelando inconfessabili perversioni o crimini, chi smaniando di trovare qualcuno, mi hanno insegnato, se mai ce ne fosse stato bisogno, che siamo una societร , soprattutto quella delle grandi cittร , di persone torturate dalla solitudine, anche quando viviamo in famiglia o con altri. Ciascuno murato in se stesso col proprio fardello di incomprensioni, rancori, dolori, ambizioni sbagliate, desideri frustrati, e tutti, assolutamente, bisognosi di raccontare questa solitudine, queste amarezze, queste tristezze che preferiamo rubricare sotto la voce medica di depressioni.
โ€ข ๐€ ๐œ๐ก๐ข ๐๐ž๐๐ข๐œ๐š ๐ช๐ฎ๐ž๐ฌ๐ญ๐จ ๐ฌ๐œ๐š๐ฆ๐›๐ข๐จ ๐๐ข ๐ซ๐ข๐Ÿ๐ฅ๐ž๐ฌ๐ฌ๐ข๐จ๐ง๐ข?
– A mia moglie, che si meritava qualcosa di piรน.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarร  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *